NATIVI AMERICANI: SAGGEZZA INDIANA, CANTI, FRASI CELEBRI

sagg_indiana_top


  CANTI DEGLI INDIANI D’AMERICA

Preghiera Cherokee

“Oh Grande Spirito,
concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare,
e la Saggezza di capirne la differenza.”

  WFebar50

Preghiera al Risveglio  (Canto Apache)

Svegliati! Svegliati! La terra ti sorride.
Svegliati, e sta’ pronto al giorno che comincia.
La madre della vita ti sta chiamando,
ti saluta, dunque svegliati, non indugiare più.
Potente Sole, dacci la luce perchè ci guidi,
perchè ci aiuti.
Guarda come sorge, guarda come la terra ne risplende,
e come gode lo spirito nel petto, ascoltando la musica del Sole.
Svegliati! Svegliati! La terra ti sorride.
Svegliati, e sta’ pronto al giorno che comincia.
La madre della vita ti sta chiamando,
ti saluta, e allora… forza,
Svegliati!

WFebar50

Stelle nel cielo (Canto Apache)

“Guardale mentre sorgono sopra la linea d’ incontro tra cielo e terra.
Nella vostra ascesa, o Stelle, fateci da guida, siateci maestre:
insegnateci a essere, come voi, unite.”

WFebar50

Preghiera per benedire un Bambino  (Canto Pawnee)

“Grande Spirito,
Sfioralo con il Tuo Respiro!
Sfioralo con il Tuo Respiro!
Tu che gli hai donato la vita.
Donagli una lunga vita.
Per questo Ti preghiamo, Padre!”

WFebar50

Addio al Moribondo  (Canto Apache)

“Ascolta bene, prima di partire:
parla di noi, chiedi la pioggia,
e figli in abbondanza. Ritorna spesso tra di noi,
seguendo il fumo del focolare,
portando notizie di pace.
Ricordarsi di te sarà facile”

WFebar50

Lunga vita  (Canto Navaho)

“Nella casa della lunga vita io cammino,
nella casa della felicità io cammino,
la bellezza è davanti a me io cammino con lei,
la bellezza è sotto di me io cammino con lei,
la bellezza è sopra di me io cammino con lei,
la bellezza è tutto intorno a me io cammino con lei,
nel viaggio della mia vecchiaia io cammino con lei,
e sulla pista selavaggia io cammino con lei”

WFebar50

Nebbia (Canto Papago)

“Chiamo la nebbia, ed essa viene
a inumidire la terra.
mentre cammino, adesso
sprofondo un poco.
Me ne sto in mezzo ai campi.
Penso cose buone.”

WFebar50

La Medicina (Canto Apache)

“Il Vento è la mia medicina che spazza via le pietre dalla mia mente.
La pioggia è la mia medicina che lava le mie ossa stanche.
Il mio cavallo è la mia medicina, e quando cavalco
il ritmo del suo passo dentro mi accende”

WFebar50

Susie Billie 102 anni (Seminole)

“Il corpo muore.
Il corpo è semplicemente ciò che l’anima materialmente possiede.
E’ il suo involucro.  L’anima prosegue la sua vita.”

WFebar50

Partenza per la Guerra (Canto Pawnee)

“Vai, non voltarti, e non avere mai paura
ne’ vergogna di cadere.
Ricorda sempre che anche l’aquila muore.”

WFebar50

Vedovanza  (Canto Sioux)

“Di notte quando il gufo racconta dolcemnte
la storia della tua morte e di tuttte le morti
degli uomini della mia gente,
sogno di ritrovarti in fondo all’Orizzonte del Tramnto,
e di sedermi vino a te, e cantare così:
“Perchè tanto presto, te ne sei andato Via?”

WFebar50

  Proverbio Sioux

“Lungo il cammino delle vostra vita
fate in modo di non privare gli altri della felicità.
Evitate di dare dispiaceri ai vostri simili ma, al contrario,
vedete di procurare loro gioia ogni volta che potete!”

WFebar50

Proverbio Navaho

“Gli anziani meritano il massimo rispetto,
perché ci hanno tramandato le tradizioni, la cultura e la Lingua.
Essi ancora oggi, con la loro saggezza,
ci aiutano a rendere migliore la nostra vita.”

WFebar50

Nostalgia di casa (Canto Apache)

“Spirito della Terra, dove sei?
Da molte lune attendo di vedere
un’ alba nota ed un sentiero
su cui io riconosca ad uno ad uno
i fiori e i sassi.”

WFebar50

Invocazione ai Defunti (Canto Cheyenne)

“O tutti voi che siete morti tanto tempo fa,
non siamo che bambini indifesi di fronte a voi.
Nulla sappiamo, tremiamo di paura di fronte alle cose del mondo.
Venite a noi, e non ci sentiremo soli nella notte.”

WFebar50

Benedizione del Neonato  (Canto Apache)

“Hai dato inizio alla tua nuova vita in una terra fortunata,
hai dato inizio alla tua nuova vita indossando dei buoni mocassini,
dalle stringhe d’ arcobaleno, cuciti con raggi di sole.
Hai dato inizio alla tua nuova vita in mezzo all’ abbondanza.”

WFebar50

Nascita di tutte le cose  (Apache)

“Quando fu fatta la terra,
e il cielo fu creato,
dall’ inizio alla fine,
queste montagne
si levarono in piedi
piene di vita,
offrendosi al nostro popolo.
Nacque così la prima canzone,
in uno zampillo di parole.”

WFebar50

Lo Aspettai Invano  (Canto Sioux Teton)

“Quando i giovani vanno io l’aspetto ancora.
Mi sorprende di nuovo che egli sia andato
E’ qualcosa a cui non posso rassegnarmi”

WFebar50

Il Vento Soffia Dal Mare (Canto Papago)

“Dall’acqua sabbiosa respiro l’odore del mare;
di là giunge il vento e soffia su tutta la terra.
Dall’acqua sabbiosa respiro l’odore del mare;
di là arrivano le nubi e cade la pioggia sul mondo.”

WFebar50

Paura d’Amare (Canto Fox)

“Non ho mai temuto una belva feroce in tutta la mia vita
Non ho mai temuto così una colomba in tutta la mia vita,
Non ho mai temuto una farfalla in tutta la mia vita
Non ho mai temuto così un fiore di campo in tutta la mia vita.”

WFebar50

La pioggia bambino (Canto Navaho)

“Nella Donna-Sorgente,
ancora una volta, cade una goccia dell’Uomo-Acqua,
dà vita all’incontro, alla Pioggia -Bambino”

WFebar50

Fanciulla triste (Canto Navaho)

“Molti uomini esistono nel mondo, ma uno solo mi è caro.
E’ buono, forte e coraggioso.
Mi aveva giurato amore eterno ma mi ha dimenticata,
uno spirito malvagio deve averlo cambiato.
E io, io altri non so amare se non lui e aspetto.”

WFebar50

Cespuglio (Canto Kiowa)

“Il cespuglio  se ne sta
seduto sotto un albero
e canta una canzone.”

WFebar50

Frasi Celebri e Saggezza

SHENANDOAH (ONONDAGA)

“Se voi uomini bianchi non foste mai arrivati, questo paese sarebbe ancora com’era un tempo. Tutto avrebbe conservato la purezza originaria. Voi l’avete definito ‘selvaggio’, ma in realtà non lo era. Era libero. Gli animali non sono selvaggi; sono solamente liberi. Anche noi lo eravamo prima del vostro arrivo. Voi ci avete trattati come selvaggi, ci avete chiamati barbari, incivili. Ma noi, eravamo solo liberi!”

WFebar50

OHCUMGACHE “LITTLE WOLF” (CHEYENNE)

Siamo stati al Sud e abbiamo sofferto assai laggiù. Molti sono morti di malattie di cui non conosciamo neanche il nome. I nostri cuori cercavano e desideravano questo paese dove siamo nati. Siamo rimasti in pochi, e volevamo solo un po’ di terra dove poter vivere.
Abbiamo abbandonato le tende dove si trovavano e siamo fuggiti di notte. I soldati a cavallo ci hanno inseguiti. Sono andato incontro ai soldati e ho detto loro che non volevamo combattere; volevamo solo andare nel Nord, e se essi ci avessero lasciati in pace non avremmo ucciso nessuno. L’unica risposta che abbiamo ricevuto è stata una scarica di fucileria. Dopo di che abbiamo dovuto combattere lungo il cammino, ma non abbiamo ucciso nessuno che non ci avesse sparato per primo. Mio fratello, Tahmelapashme (Coltello Spuntato), ha preso metà della banda e si è arreso vicino a Fort Robinson… Hanno consegnato le armi: i bianchi li hanno uccisi tutti.”

WFebar50

BLACK ELK “ALCE NERO” (SIOUX OGLALA)

“Non sapevo in quel momento che era la fine di tante cose.
Quando guardo indietro, adesso, da questo alto monte della mia vecchiaia, ancora vedo le donne e i bambini massacrati, ammucchiati e sparsi lungo quel burrone a zig-zag, chiaramente come li vidi coi miei occhi da giovane. E posso vedere che con loro morì un’altra cosa, lassù, sulla neve insanguinata, e rimase sepolta sotto la tormenta.
Lassù morì il sogno di un popolo. Era un bel sogno… il cerchio della nazione è rotto e i suoi frammenti sono sparsi. Il cerchio non ha più centro, e l’albero sacro è morto.”

WFebar50

ATTLE (DUWAMISH)

“La terra non appartiene all’uomo,
e’ l’uomo che appartiene alla terra.”

WFebar50

 TECUMSEH (SHAWNEE)

“Quando al mattino ti svegli, ringrazia il tuo Dio per la luce dell’aurora,
per la vita che ti ha dato e per la forza che ritrovi nel tuo corpo.
Ringrazia il tuo Dio anche per il cibo che ti dà e per la gioia della vita.
e non trovi un motivo per elevare una preghiera di ringraziamento,
allora vuol dire che sei in errore.”

WFebar50

TASHUNKA WITKO “CRAZY HORSE” (SIOUX OGLALA)

“Il cane che lecca una mano non vede il coltello nascosto nell’altra”

“Non si vende la terra sulla quale si cammina”

WFebar50

CAPO JOSEPH (NEZ PERCES)

“La terra fu creata con l’aiuto del sole, e tale dovrebbe restare… La terra fu fatta senza linee di demarcazione e non spetta all’uomo dividerla… Io non ho mai detto che la terra è mia per farne ciò che mi pare. L’unico che ha il diritto di disporne è chi l’ha creata. Io chiedo il diritto di vivere sulla mia terra e di accordare a voi il privilegio di vivere sulla vostra.”

WFebar50

MOTAVATO “PENTOLA NERA” (CHEYENNE)

“Io una volta pensai di essere l’unico uomo che continuava ad essere amico dell’uomo bianco, ma da quando sono venuti e hanno vuotato le nostre tende, rubato i cavalli e ogni altra cosa, è difficile per me credere ancora agli uomini bianchi.”

WFebar50

PIEDE DI CORVO (SIKSIKA – BLACK FOOT)

“Che cos’e’ la vita?
Lo sfavillare di una lucciola nella notte,
il respiro sbuffante di un bisonte nell’inverno,
la breve ombra che scorre sopra l’erba e si perde dentro il sole.”

WFebar50

KINTPUASH “CAPITAN JACK” (MODOC)

“Io sono soltanto un uomo. Sono la voce del mio popolo.
Quali che siano i loro sentimenti, io dico questo. Non voglio più la guerra.
Voglio essere un uomo. Voi mi negate il diritto di un uomo bianco. La mia pelle è rossa; il mio cuore è come il cuore di un uomo bianco; ma io sono un Modoc. Non ho paura di morire. Non cadrò sulle rocce. Quando muoio i miei nemici saranno sotto di me. I vostri soldati mi hanno attaccato mentre dormivo sul fiume Lost. Essi ci hanno spinto su queste rocce come un cervo ferito…”

WFebar50

CHIEF SATANTA (KIOWA)

“Ho sentito che intendete metterci in una riserva vicino alle montagne. Io non voglio andarci. A me piace scorrazzare nelle praterie. Lì mi sento libero e felice, ma quando ci stabiliamo in un posto diventiamo pallidi e moriamo.”

WFebar50

ORSO IN PIEDI (LAKOTA)

“Gli anziani Dakota erano saggi.
Sapevano che il cuore di ogni essere umano che si allontana dalla natura si inasprisce.
Sapevano che la mancanza di profondo rispetto per gli esseri viventi
e per tutto ciò che cresce,
conduce in fretta alla mancanza di rispetto per gli uomini.
Per questa ragione il contatto con la natura,
che rende i giovani capaci di sentimenti profondi,
era un elemento importante della loro formazione “

WFebar50

OKUTE (OGLALA LAKOTA – SIOUX)

“La foresta è la dimora di molti uccelli e di molti animali;
l’acqua è la dimora dei pesci e di vari rettili.
All’interno di una stessa specie, gli uccelli non sono tutti simili
e così è con gli animali e con gli esseri umani
La ragione per la quale Wakan Tanka non fece dieci uccelli,
dieci animali o dieci esseri umani assolutamente uguali
fu che voleva che ognuno di essi potesse avere il suo spazio,
potesse bastare a se stesso senza occupare lo spazio degli altri.
Sin dall’infanzia io ho osservato molto attentamente le foglie, gli alberi e l’erba
e non ho mai visto due esemplari assolutamente uguali.
Certo possono assomigliarsi molto, tuttavia nell’esaminarli con cura
ho trovato che si differenziano sensibilmente tra di loro.”

WFebar50

HAUDENOSAUNEE (IROCHES)

“Quando la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,
l’intenzione del Creatore non era di renderla vivibile solamente agli uomini.
Siamo stati messi al mondo assieme ai nostri fratelli e sorelle,
quelli che hanno quattro zampe, quelli che volano e quelli che nuotano.
Tutte queste forme di vita,
anche il più sottile filo d’erba e il più possente degli alberi,
formano con noi una grande famiglia.
Tutti siamo fratelli e allo stesso modo importanti su questa terra.”

WFebar50

ORSO IN PIEDI (LAKOTA – SIOUX)

“C’è una grande differenza tra il comportamento degli indiani e quello dei bianchi
per quanto concerne il rapporto con la natura:
l’uno divenne difensore e protettore della natura, l’altro il suo distruttore.”

WFebar50

TATANKA YOTANKA “TORO SEDUTO” (HUNKPAPA - LAKOTA SIOUX)

“La primavera è tornata, il sole ha abbracciato la terra.
Presto vedremo i figli del loro amore.
Ogni seme, ogni animale si è svegliato.
Anche noi siamo stati generati da questa grande forza.
Per questo crediamo che anche gli altri uomini e i nostri fratelli animali abbiano il nostro stesso diritto a vivere su questa terra”

WFebar50

TATANKA MANI “BISONTE CHE CAMMINA” (ASSINIBOINE)

“Sapete che gli alberi parlano?  Essi lo fanno!
Parlano tra di loro e loro vi parleranno se solo voi li ascoltate.
Il guaio dei bianchi è che loro non ascoltano!
E così non hanno mai ascoltato gli indiani
come non ascoltano le altre voci della natura.
Ma vi assicuro, gli alberi mi hanno insegnato molto:
sul tempo, sugli animali,
sul Grande Spirito.”

WFebar50

SHENANDOAH (ONONDAGA)

“Nascere uomo su questa terra è un incarico sacro.
Abbiamo una responsabilità sacra,
dovuta a questo dono eccezionale che ci è stato fatto,
ben al di sopra del dono meraviglioso che è la vita delle piante, dei pesci, dei boschi, degli uccelli
e di tutte le creature che vivono sulla terra.
Noi siamo in grado di prenderci cura di loro.”

WFebar50

ORSO IN PIEDI (LAKOTA SIOUX)

“Non conosco alcuna specie di pianta, uccello o animale
che non si sia estinta dopo l’arrivo dell’uomo bianco.
L’uomo bianco considera la vita naturale degli animali
come quella del nativo su questo continente: come un fastidio.
Non c’è alcun termine nella nostra lingua con il significato di “fastidio”.

WFebar50

SAUPAQUANT WAMPANOAG

“Ogni cosa è sacra.
Ogni cosa vive.
Ogni cosa ha una coscienza.
Ogni cosa ha uno spirito.”

WFebar50

HAUDENOSAUNEE  (IROCHES)

“Quando la terra fu creata con tutti gli esseri viventi, l’intenzione del Creatore non era di renderla vivibile solamente agli uomini. Siamo stati messi al mondo assieme ai nostri fratelli e sorelle, quelli che hanno quattro zampe, quelli che volano e quelli che nuotano. Tutte queste forme di vita, anche il più sottile filo d’erba e il più possente degli alberi, formano con noi una grande famiglia. Tutti siamo fratelli e allo stesso modo importanti su questa terra.”

WFebar50

ORSO IN PIEDI (LAKOTA SIOUX)

“C’è una grande differenza tra il comportamento degli indiani e quello dei bianchi per quanto concerne il rapporto con la natura:
l’uno divenne difensore e protettore della natura,
l’altro il suo distruttore.”

WFebar50

ORSO IN PIEDI (LAKOTA SIOUX)

“L’indiano e le altre creature che erano nate qui e che vivevano,
avevano una madre comune: la terra. Egli era imparentato con tutto ciò che vive
e riconosceva a tutte le creature gli stessi diritti come a se stesso.
Quanto era legato alla terra, egli l’amava e l’ammirava.”

WFebar50

ANONIMO

 “Il Grande Spirito ha fatto il mondo così com’è,  e come lo voleva,
e ci ha fatto parte di esso perchè vi vivessimo.
Non vedo dove troviate l’autorità per dire
che non dobbiamo vivere dove ci ha messo lui.”

WFebar50

ANONIMO

“Preghiamo per la persona che è la più importante
fra tutti noi, la Madre Terra. E’ lei che ci ha dato la vita:
ci ha tenuto nel suo grembo, ci ha nutriti,
ha dato agli uomini, agli animali, alle piante
la possibilita’ di esistere.”

WFebar50

ANONIMO

“La comunicazione tra il mondo degli uomini e il mondo degli animali
è costante e ininterrotta. Gli uomini sono “fratelli maggiori” degli animali
ed essi hanno il compito di vigilare sul benessere dei loro “fratelli minori.”

WFebar50

OKUTE – (SIOUX)

“Tutte le creature viventi, tutte le piante
sono parimenti essenziali alla vita e ognuna ha un suo posto.
Ogni animale dimostra la sua ragione d’essere con atti precisi.
I corvi, le poiane e le mosche, anche i serpenti,
pur diversi tra loro hanno qualcosa in comune,
hanno un’utilità e una ragion d’essere.
In origine probabilmente gli animali  hanno vagato sopra molti estesi paesi
prima di trovare il luogo più adatto per vivere. E questo perché ogni essere vivente
dipende dalle condizioni naturali che lo circondano.
E dunque gli animali e tutti gli esseri
hanno riflettuto a lungo prima di scegliere il posto dove vivere. ”

WFebar50

ANONIMO

“Il potere dello Spirito pervade qualsiasi manifestazione del Creato,
tutto ha un’anima, tutto può essere ricondotto a un principio unitario.
Il potere del Grande Spirito, del Grande Mistero,
è dunque riconoscibile in tutte le manifestazioni della natura,
è tutt’uno con la natura poichè il Grande Spirito è in tutte le cose.”

WFebar50

ANONIMO

“Dividere ciò che si possiede, essere generosi
è la nostra prima legge, il valore più grande in cui crediamo.
Per poterci far dimenticare questi valori, ma soprattutto per allontanarci
dal grande attaccamento e rispetto che avevamo per la Madre Terra,
era necessario distruggere ciò che ci dava forza di credere in tutto questo:
la nostra spiritualità.”

WFebar50

HAUDENOSAUNEE

“Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,
l’intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.
Siamo stati mesi al mondo assieme ai nostri fratelli e sorelle,
con quelli che hanno quattro zampe, con quelli che volano e con quelli che nuotano.
Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d’erba,
formano con noi una grande famiglia.
Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.”

WFebar50

ANONIMO

“L’alternanza della vita e della morte è accettata in tutta la sua naturalità,
anzi a volte viene accolta come qualcosa di positivo.
Certo agli “inizi dei tempi” la morte non esisteva, ciascuno viveva per sempre.
In ogni caso il rimpianto per ciò che si lascia, quando c’è,
non è mai riferito alla propria situazione individuale ma alle sorti del proprio popolo.”

WFebar50

TECUMSEH (SHAWNEE)

“Così come ogni giorno finisce, anche gli uomini trascorrono la loro vita,
diventano vecchi e deboli e muoiono.
Se un uomo muore, si dice che abbia cominciato un viaggio verso ovest
e sia scomparso come il sole sull’orlo del mondo.”

WFebar50

ALCE NERO (OGALA SIOUX)

“Quando ero giovane attraversai tutto questo territorio, da oriente a occidente,
e non vidi nessun altro popolo di un’altra razza che era giunto per impadronirsene.
Come mai?
Il mio popolo aspetta di morire. Non si aggira più sulle colline e sulle pianure
e desidera che il cielo cada su di lui. Un tempo eravamo una grande nazione;
ora siamo pochi ed è per questo che vogliamo morire.”

WFebar50

ANONIMO

“Gli uomini bianchi non scotennano le teste. Fanno cose peggiori.
Avvelenano il cuore. Non è puro, il loro cuore. I miei uomini non saranno scotennati.
Ma nel giro di pochi anni diventeranno peggiori.
Diventeranno come gli uomini bianchi, non ci si potrà più fidare di loro.”

WFebar50

DIECI ORSI (COMANCHE YAMPARIKA)

“Ci sono cose che avete detto che a me non piacciono.
Non sono dolci come lo zucchero, ma amare come le zucche.
Avete detto che volete metterci in una riserva,
costruirci case e darci capanne per gli sciamani e scuole.
Io non voglio queste cose.
Sono nato nella prateria, dove il vento soffia libero
e non vi è nulla che spezzi i raggi del sole.
Sono nato dove non ci sono recinti
e dove ogni cosa respira liberamente.
Voglio morire lì e non fra i muri. ”

WFebar50

CAPO JOSEPH (NASI FORATI)

“Lasciatemi essere un uomo libero,
libero di viaggiare, libero di fermarmi,
libero di lavorare, libero di commerciare dove mi pare,
libero di scegliermi i miei maestri,
libero di seguire la religione dei miei padri,
libero di pensare e di parlare e di agire.”

WFebar50

PIEDE DI CORVO (SIKSIKA – PIEDINERI)

“Quando l’ultimo albero sarà stato abbattuto,
l’ultimo fiume avvelenato, l’ultimo pesce pescato,
vi accorgerete che non si può mangiare il denaro.

La nostra terra vale più del vostro denaro.  E durerà per sempre.
Non verrà distrutta neppure dalle fiamme del fuoco.
Finchè il sole splenderà e l’acqua scorrerà, darà vita a uomini e animali.
Non si può vendere la vita degli uomini e degli animali;
è stato il Grande Spirito a porre qui la terra
e non possiamo venderla perchè non ci appartiene.
Potete contare il vostro denaro
e potete bruciarlo nel tempo in cui un bisonte piega la testa,
ma soltanto il Grande Spirito sa contare i granelli di sabbia
e i fili d’erba della nostra terra.
Come dono per voi vi diamo tutto quello che abbiamo
e che potete portare con voi,
ma la terra mai.”

WFebar50

1  2  4

11 thoughts on “NATIVI AMERICANI: SAGGEZZA INDIANA, CANTI, FRASI CELEBRI

  1. mi vergogno di essere un’uomo bianco .quello che hanno fatto al popolo indiano,e uguale al geneocidio che ha commmesso hitler non c’e perdono per chi ha commesso e ha permesso tutto questo

  2. se solo avessimo tempo per sentire il vento,le foglie di un albero…di guardare attentamente il sorriso di un bambino….se soltanto…vivessimo!!!

  3. Una notte un lupo guardò la luna e chiese ” Luna xchè 6 sola?? ” La luna lo guardò e rispose ” fino a quando tù tu mi parlerai io nn sarò mai sola nel cielo…………”

  4. “Morirete sepolti dalla vostra spazzatura” disse un capo indiano più di cent’anni fa. Che dire? Ha indovinato?
    La presunzione dell’uomo bianco ha portato a questi livelli..
    Se solo avessero avuto l’umiltà di osservarli nel loro vivere quotidiano, mettendo da parte la presunzione di saperne di più e doverli “ammaestrare”, ora saremo felici di vivere il “dono” della vita; senza stress, malattie e quant’altro si aggiunge a complicare ogni nostro giorno.
    Mitàkuye Oyàsin (siamo tutti fratelli). ♥ Nell’altra vita ero un’indiano ♥

  5. …in un’altra vita vorrei nascere Indiano!!! Grande Popolo!.e mi vergogno di essere un uomo bianco …con le sue manie di grandezza,di potere,di controllo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...